Yearly Archives: 2017

Donazioni volontarie di qualsiasi importo per supportare Radio Libera ( www.radiolibera.eu ) e renderla libera e capace di promuovere iniziative sociali. Con paypal, carta di credito, bonifico e postpay.
 Ashampoo_Snap_domenica 22 ottobre 2017_17h00m31s_004_  Donazione Radio Libera Ashampoo Snap domenica 22 ottobre 2017 17h00m31s 004
Per le donazioni clicca qui >>> http://www.aitsad.it/web/form-donazioni/
post1  Donazione Radio Libera post1
Radio Libera vuole essere la voce di chi voce non ha e fondarsi sulle donazioni volontarie e continue di tutti coloro che vorranno veramente rendere grande questa radio e renderla libera.
Sarebbe bastato finanziarsi con pubblicità e sponsors ma  poi la libertà di scelta e di espressione sarebbe necessariamente stata inficiata da chi paga. La libertà ha un corso non solo intermini di centinaia di ore di lavoro ma anche di soldi. Significa ogni mese secondo le proprie disponibilità economice donare qualsiasi somma a AITSAD per supportare la radio ma anche tutti i siti ed i servizi che di volta in volta saranno ampliati ed implementati.
Grazie a chi vorrà essere con noi in questo nuovo progetto supportandono sia con donazioni di ogni importo ma anche creando un percorso unitario nel quale tutti insieme possiamo lottare per la liberà di scelta terapeutica e vaccinale, per l’autiusmo e la disabilità, per i danneggiati da farmaci e/o vaccini, per l’ambiente, per il sociale, economia solidale e per i DIRITTI UMANI  sempre più calpestati.

Inutile mettere la testa sotto la sabbia e lamentarsi soltanto. Bisogna uscire fuori e far sentire a testa alta  la nostra voce. Solo supportando anche economicamente la radio è possibile continuare a renderla libera ed autonoma da ogni ingerenza.

Grazie per la tua donazione e per il tuo aiuto. Insieme possiamo vincere.

    Trasmissioni di Radio Autismo con interventi di medici

    Il giorno 15.11.2017 a Torre Annunziata alle ore 16.00 vi sarà un interessante convegno

    ” Le vaccinazioni: la salute tra diritti e doveri”

    Il convegno è organizzato dal Comitato per la libera scelta vaccinale di Torre Annunziata con il patrocinio del comune di Torre Annunziata.
    I relatori affronteranno varie tematiche legali, mediche e scientifiche sul tema delle vaccinazioni di massa.
    Interverrano
    Sindaco di Torre Annunziata per i saluti di rito
    dr. Dario Miedico, medico legale ed epidemiologo
    Raffaela Manna, Presidente VA.LI.CA. madre di una bambina con danno da vaccino
    avv. Fabio Candalino, esperto in legislazione sanitaria
    dr. Salvatore Morelli, Presidente AITSAD, fondatore di infoautismo.it, padre di una bambina autistica
    Modera la dr.ssa Giovannina Cirillo, consigliera comunale
    Sede del convegno
    Sala consiliare del comune di Torre Annunziata, via Provinciale Schiti nr.  51
    80058 Torre Annunziata ( NA )

    per chi vuole arrivare con navigatore ecco il link per google maps

     

    https://www.google.it/maps/@40.7412797,14.4731339,3a,75y,98.57h,76.29t/data=!3m6!1e1!3m4!1sf7Aq23BTp3nM9rOwRXhJqg!2e0!7i13312!8i6656

    per altro navigatore
    latitudine  40.7423248
    longitudine 14.4716006
    Locandina da scaricare

    Ashampoo_Snap_domenica 29 ottobre 2017_22h47m02s_001_  Convegno sulla libertà di scelta vaccinale a Torre Annunziata ( NA ) Ashampoo Snap domenica 29 ottobre 2017 22h47m02s 001

     

    Ashampoo_Snap_venerdì 10 novembre 2017_15h54m51s_003_  Convegno sulla libertà di scelta vaccinale a Torre Annunziata ( NA ) Ashampoo Snap venerd   10 novembre 2017 15h54m51s 003

    La Consulta regionale per i disturbi neuropsichiatrici dell’infanzia e dell’adolescenza e dello spettro autistico e una rete integrata per i servizi diretti alla diagnosi precoce e alla definizione delle terapie per le persone autistiche. È quanto prevede la legge approvata a maggioranza dal Consiglio regionale della Campania e illustrata all’aula dal consigliere regionale Raffaele Topo (Pd), presidente della Commissione Sanità del Consiglio regionale, in qualità di relatore di maggioranza.

    La Consulta istituita dalla legge svolge attività propositiva, consultiva e di osservazione del fenomeno in Campania ed è costituita dall’assessore alla Sanità (attualmente il governatore Vincenzo De Luca è commissario per la sanità), l’assessore alle Politiche sociali, l’assessore all’istruzione, l’assessore al Lavoro, il direttore dell’Ufficio scolastico regionale, un rappresentante per ogni associazione o federazione di associazioni, legalmente costituite, di familiari delle persone affette da autismo, operanti sul territorio regionale, un docente universitario in neuropsichiatria infantile.

    fonte

    http://www.ilmattino.it/napoli/politica/napoli_campania_autismo_legge-3234997.html

    elFinder 2.0

    ECCO PROMULGATA LA LEGGE DI CONVERSIONE 119/2017 SULL’OBBLIGO VACCINALE FIRMATA DAL PRESIDENTE MATTARELLA IL 31.7.2017 E PUBBLICATA IN GAZZETTA UFFICIALE IL 5.8.2017.
    MAI NESSUNA LEGGE CHE IO RICORDI HA AVUTO UN ITER COSI’ VELOCE….
    per la consultazione iscriversi al gruppo

    https://www.facebook.com/groups/azione.contro.obbligo.vaccinale
    andare nella sezione file

    e cliccare su

    SOLO_LEGGE_INTEST.pdf

    o cliccare sull”allegato

    clicca qui per scaricare >>> SOLO_LEGGE_INTEST

    La posizione della SIPNEI ( Società Italiana di Psico-neuro-endocrino-immunologia sulla legge sui vaccini e sul dibattito ancora in corso )

    La posizione della SIPNEI sulla legge sui vaccini e sul dibattito ancora in corso

     

    Cari colleghi e cari amici,

    il direttivo nazionale della SIPNEI, nella sua riunione del 24 luglio scorso, ha avviato una discussione sulla legge sui vaccini e sul dibattito pubblico che l’ha accompagnata, che si è concretizzata nel documento che sottoponiamo alla discussione dei soci, del mondo scientifico e delle persone che vorranno interloquire con noi.

    Come società scientifica ci siamo posti l’obiettivo di esaminare l’argomento in modo approfondito, libero da pregiudizi, con l’unico fine di contribuire ad una migliore conoscenza dei vaccini, della loro efficacia, tollerabilità e delle loro conseguenze, ma anche dell’oggetto delle vaccinazioni: il sistema immunitario neonatale e infantile, assolutamente negletto nel dibattito che ha accompagnato l’iter legislativo.

    Crediamo che gli argomenti da noi avanzati possano migliorare la discussione pubblica, che certamente non finirà qui, evitando la gazzarra vista fuori dal Parlamento all’indomani dell’approvazione della legge e, al tempo stesso, incalzando i settori professionali e scientifici, oggi privi di dubbi sulla bontà del provvedimento, per indurli a scendere su un terreno di serio confronto, evitando le scomuniche e le affermazioni inappellabili.

    Il direttivo ha deciso di convocare una Conferenza sul tema per sabato 18 novembre a Roma, coinvolgendo personalità scientifiche di vario orientamento, su cui in settembre forniremo i dettagli.

    Chiediamo a tutte le sezioni territoriali e ad ogni socio di attivarsi per discutere e diffondere il documento alla comunità scientifica, ai professionisti della salute e ai cittadini interessati.

    fonte

    La posizione della SIPNEI sulla legge sui vaccini e sul dibattito ancora in corso

    documento completo

    http://sipnei.it/wp-content/uploads/2017/07/SIPNEI-SULLA-LEGGE-SUI-VACCINI.pdf

    allegato>> SIPNEI-SULLA-LEGGE-SUI-VACCINI

    Valica ( Vaccini Liberi Campania )

    AITSAD ( Associazione italiana tutela sociale autismo e disabilità )

    Associazione Piccole Gioie
    presentano una serata informativa su

    Il nuovo piano vaccinale. Le conseguenze mediche e legali sulle famiglie. Problematiche e sviluppi futuri

    Giovedì, 6 luglio 2017 ore 18.30 Galleria Principe di Napoli – via Enrico Pessina – Napoli

    intervengono

    Raffaela Manna, presidente Valica
    sen. Bartolomeo Pepe, membro commissione sanità senato
    Salvatore Morelli, presidente AITSAD
    Teresa de Pascale, presidente Terra Prena
    Luca Pizzonia, referente Campania Comilva
    avv. Salvatore Candalino, esperto in politica vaccinale
    dr.ssa Andreina Fossati, Pediatra omeopata
    dr. Bruno Romagnolo, Ospedale Pellegrini

    modera

    dr.ssa Marianna Velotto, presidente associazione Spazio Indaco, naturopata e iridologa

     

    Ashampoo_Snap_2017.07.02_12h53m16s_002_  Informati e non obbligati Ashampoo Snap 2017

    Per la prima volta il numero di paralisi causate dal virus vaccinale supera il numero causato dal polio originale.

    Dall’inizio del 2017, in tutto il mondo sono stati registrati solo 6 casi di polio “selvaggio”. Con “selvaggio”, i funzionari della sanità pubblica indicano la malattia causata dal virus di polio trovato naturalmente nell’ambiente.

    Al contrario, sono 21 i casi di polio derivati dal virus vaccinale. Questi casi sembrano notevolmente simili alla polio regolare. Ma i test di laboratorio dimostrano che sono causati dal residui del vaccino antipolio orale che sono stati diffusi nell’ambiente, mutati ed hanno riconquistato la loro capacità di paralizzare i bambini non vaccinati

    “È davvero una scoperta interessante: lo strumento che stai usando per l’eradicazione della polio sta causando il problema”, afferma Raul Andino, professore di microbiologia presso l’Università della California a San Francisco.

    Il vaccino polio per via orale usato nella maggior parte dei paesi in via di sviluppo contiene una forma del virus che è stata indebolita nel laboratorio. Ma è ancora un virus vivo. (Questo è un vaccino diverso da quello iniettabile utilizzato negli Stati Uniti e nei paesi più sviluppati. Il vaccino iniettabile è molto più costoso e non contiene forme vive del virus.)

    Andino studia come i virus mutano. In uno studio pubblicato a marzo, lui e i suoi colleghi hanno scoperto che il virus indebolito in laboratorio utilizzato nel vaccino orale polio può ritrovare rapidamente la propria forza se inizia a diffondersi da solo. Dopo che un bambino è vaccinato con virus polio vivo, il virus si replica all’interno dell’intestino del bambino e alla fine viene escretato. In luoghi con scarsa igienizzazione, la materia fecale può entrare nella fornitura di acqua potabile e il virus è in grado di iniziare a diffondersi da persona a persona.

    “Abbiamo scoperto che ci sono solo poche [mutazioni] che devono accadere e che accadono piuttosto rapidamente nel primo o due mesi dopo la vaccinazione”, dice Andino. “Poiché il virus inizia a circolare nella comunità, acquisisce ulteriori mutazioni che lo rendono fondamentalmente indistinguibile dal virus del tipo selvaggio. È polio in termini di virulenza e in termini di diffusione del virus”.

    In giugno, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha riportato 15 casi di bambini paralizzati in Siria da forme di polio derivate dal vaccino. Questi casi si aggiungono ad altri due casi di polio derivanti dal vaccino all’inizio di quest’anno in Siria e quattro nella Repubblica Democratica del Congo.

    “In Siria potrebbero esserci altri casi”, afferma Michel Zaffran, direttore dell’eradicazione della polio all’Organizzazione Mondiale della Sanità. Dice che il lavoro di laboratorio sta ancora lavorando su una dozzina di casi di paralisi per confermare se sono polio o qualcos’altro

    I casi in Siria sono tutti nell’ est del paesem vicino al confine con l’Iraq.

    È diventato abbastanza comune che ogni anno ci siano alcuni piccoli focolai di polio derivato dal vaccino. Questi focolai tendono ad accadere in zone di conflitto dove i sistemi sanitari sono crollati.

    “Questi focolai si verificano solo in casi molto rari e solo in luoghi dove i bambini non vengono immunizzati”, spiega Zaffran. Il vaccino anti-polio regolare protegge i bambini dai ceppi derivati ​​del vaccino del virus proprio come li protegge dalla polio regolare. Gli epidemia di vaccino, dice, “si verificano quando ci sono grandi tasche di bambini non immunizzati, tasche sufficientemente grandi da permettere la circolazione del virus”.

    L’Organizzazione Mondiale della Sanita’ (OMS) sta mettendo in scena una massiccia risposta all’epidemia siriana. L’OMS prevede di collaborare con funzionari della sanita’ locale e gruppi di aiuto per vaccinare un quarto di milioni di bambini all’inizio di luglio. L’obiettivo è quello di raggiungere ogni bambino di età inferiore ai 5 anni nella zona con due dosi di due diversi tipi di vaccino antipolio, distanziati da uno a due settimane a parte. Questa sarebbe una sfida logistica in molte parti del mondo, non ostante la Siria sia in guerra.

    “L’accesso in queste aree è un po ‘limitato a causa della presenza di ISIS”, dice Zaffran in quello che sembra un eufemismo. La Siria orientale è la casa proprio dei siriani che sono scappati da Raqqa (la capitale ISIS in Siria), altre parti del paese e persino l’Iraq. “Inoltre c’è il rischio che i combattimenti possano effettivamente spostarsi in questa zona”.

    Zaffran è fiducioso che il virus derivato dal vaccino proveniente dal vaccino circolante in Siria orientale possa essere spazzato via con una massiccia esplosione di più vaccini.

    “Sapevamo che avremmo avuto tali epidemie, li abbiamo avuti già in passato, continuiamo ad averne ora, sappiamo come trovarli e sappiamo come interromperli. Abbiamo gli strumenti per farlo , “Dice Zaffran. “Quindi è un singhiozzo … uno spiacevole singhiozzo per i poveri bambini che sono stati paralizzati, naturalmente, ma per quanto riguarda l’intera iniziativa, sappiamo che non è qualcosa di inaspettato”.

    L’OMS sta tentando di eliminare l’uso del vaccino antipolio vivo per eliminare il rischio che il virus attivo nel vaccino possa mutare in una forma che possa danneggiare i bambini non vaccinati.

    Ma per ora, il vaccino vivo continua ad essere il cavallo di battaglia della campagna globale per l’eradicazione della polio per un paio di motivi. In primo luogo è conveniente, costando solo circa 10 centesimi rispetto ai 3 $ per una dose per il vaccino iniettabile e morto. In secondo luogo, può essere somministrato come gocce nella bocca di un bambino, cosa che rende molto più facile somministrare il vaccino a confronte di quello inattivato o “morto”, che invece deve essere iniettato. In terzo luogo, non c’è sufficiente abbastanza vaccino ucciso sul mercato per vaccinare ogni bambino del pianeta ei produttori di vaccini non hanno la capacità di produrre le quantità necessarie auttualamente.

    Infine, il vaccino vivo interrompe la trasmissione del virus della polio interamente in una comunità se un numero sufficiente di persone viene vaccinato. Inoltre il vaccino morto non blocca completamente il virus perché una persona immunizzata può ancora trasportare e diffondere il virus di polio. E questa è una differenza importante tra questi due tipi di vaccini quando l’obiettivo è quello di sterminare il virus di polio.

    “Il fatto è che questo [il vaccino orale del polio] è l’unico strumento che abbiamo per sradicare la malattia”, spiega Zaffran.

    Questo sforzo di eradicazione è stato incredibilmente efficace. Nel 1988, quando la campagna e’ iniziata , ogni anno c’erano 350.000 casi di poliomielite in tutto il mondo rispetto ai 6 di quest’anno.

    Zaffran attribuisce al vaccino orale per la polio il fatto che oggi con il mondo ie’ ncredibilmente vicino a cancellare questa terribile malattia.

    “Quattro regioni del mondo hanno completamente sradicato la malattia con l’uso del vaccino orale polio”, osserva. “Naturalmente dobbiamo riconoscere che ci sono stati casi di bambini paralizzati a causa del virus vaccinale, cosa che è deplorevole, ma dalla prospettiva della salute pubblica, i vantaggi superano il rischio”.

    fonti

    http://lastampa.org/polio-per-la-prima-volta-il-numero-di-paralisi-causate-dal-virus-vaccinale-supera-il-numero-causato-dal-polio-originale/

    http://www.npr.org/sections/goatsandsoda/2017/06/28/534403083/mutant-strains-of-polio-vaccine-now-cause-more-paralysis-than-wild-polio